La Biografia

Mascarimirì (Salento, Puglia, Italia)

Tra l’autunno del 1997 e l’inverno del 1998 prende corpo il progetto Mascarimirì. Claudio ‘Cavallo’ Giagnotti e Cosimo Giagnotti (fratelli di origine Rom) decidono di lasciare l’esperienza di Terra de Menzu, una delle prime formazioni che, all’inizio degli anni ’90, hanno contribuito alla rinascita della musica tradizionale salentina. Dal 1999 al 2003 il progetto musicale si consolida e matura. A Claudio ‘Cavallo’ si affiancano Vito Giannone, al mandolino, e il bassista Beppe Branca, il cui ingresso segnerà la vera svolta verso la Tradinnovazione, introducendo nei groove di pizzica pizzica la linea di basso. “Punk-Dub Tarantolato Salentino” è la definizione usata per sottolineare la sperimentazione del gruppo, che innesta al patrimonio tradizionale tecniche fino ad allora estranee alle sonorità della musica tradizionale. Dopo l’uscita di Beppe Branca, sulla strada da lui aperta si è inserito nel gruppo il giovanissimo Alessio Amato che da  dieci anni continua ad alimentare e a miscelare la spinta verso sonorità elettroniche. Con sette  album in studio all’attivo e un’attività concertistica di primo livello, il gruppo di Muro Leccese oggi rappresenta il punto più innovativo dei gruppi di Pizzica Pizzica Salentina.

The project Mascarimirì took shape between the Fall of 1997 and the Winter of 1998, when Claudio ‘Cavallo’ Giagnotti and Cosimo Giagnotti (two brothers of Roma origins) chose to end their experience with Terra de Menzu, one of the first bands that, at the beginning of the 1990s, contributed to the resurgence of Salento traditional music. Between 1999 and 2003 the musical project got stronger and more mature. Vito Giannone (mandolin) and Beppe Branca (bass) joined Claudio ‘Cavallo’. Branca’s entry in the group, with the introduction of the bass line in the groove of pizzica pizzica, represented the out-and-out turning point towards Tradinnovazione. “Punk-Dub Tarantolato Salentino” was the definition used to underline the experimental vocation of the band that inserted into the traditional musical heritage some techniques not used, until then, in the traditional music style of Salento. When Beppe Branca left the band, Alessio Amato, a very young musician, joined it. Following the lead of Beppe Branca, in the last 10 years Alessio Amato has been promoting and combining the sounds and styles of electronic music. With 7 studio-recorded albums, and a first-class concert activity, the band from Muro Leccese represents, today, the most innovative expression of Pizzica Pizzica Salentina.

Live & Tour
Australia, Cina, Tunisia, Francia, Spagna, Italia, Svizzera, Belgio, Germania, Grecia, Ungheria, Polonia, Irlanda

International Festival

Festa della Musica (Parigi, Francia), Carnevale di Adelaide (Australia), Festival TD 21 (El Jam, Tunisia), Festival des Langues & Cultures Minorisées e Latcho Divano(Marsiglia, Francia), Total Festum (Nimes, Francia), Estivada (Rodez, Francia), Notte Della Taranta festival (Grecia Salentina, Lecce, 16 edizioni), Womad (Palermo), Cous Cous Festival (Trapani), Villa Ada (Roma), Extra Festa (Milano), Tarantella Power (Reggio Calabria), Biennale Musica di Venezia, Womex-Womex Off (Salonicco, Grecia), Bastia Les 27émes Musicales de Bastia(Francia), Pechino(Cina) Istituto di Cultura Italiano, Dublino(Irlanda)WeareinPuglia; Varsavia(Polonia) Warsaw Cross Culture Festival;  Paleariza Festival, Roma Auditorium Parco della Musica, Bari (Italia) Medimex, Manresa(Spagna) Fira de Manresa, Ariano Irpino(Italia)Ariano Folk Festival, Novoli (Italia) Focara Festival, Budapest(Ungheria) Sziget Festival .  

Collaborations and projects with:

Joe Zawinul, Buena Vista Social Club, Les Negresses Vertes, Massilia Sound System, Dupain, Lo Cor de la Plana, Manu Theron, Nux Vomica, Bombino, E’Zezi, Eugenio Bennato, Marcello Colasurdo, Daniele Sepe, Luigi Cinque, Mauro Pagani, Ludovico Einaudi, Goran Bregovic, e i salentini Sud Sound System, Uccio Aloisi, Cesare Dell’Anna.